Momenti di panico e caos per tutte le attività specializzate del nostro settore. Finalmente abbiamo la comunicazione ufficiale

.

In che modo le attività specializzate del nostro settore hanno vissuto questi giorni di panico e caos in totale anarchia?

.

Articolo a cura di Pierpaolo Guadalupi

 .

Vi ricordate i vecchi film di Banana Joe? Negli ultimi giorni abbiamo vissuto un clima di anarchia totale che in un Paese civilizzato ed evoluto non può e non deve assolutamente succedere. Bisogna trovare soluzioni immediate.

STIAMO PARLANDO OVVIAMENTE DELL’AGGIORNAMENTO DEI SOFTWARE COLLEGATO AL NUOVO REGISTRO DEI PRODOTTI SENZA GLUTINE EROGABILI CON I BUONI ASL.

La legge ed i procedimenti devono essere uguali per tutti e le tempistiche devono essere stabilite in anticipo, con chiarezza e con un termine di preavviso sufficiente da permettere alle attività di smaltire le scorte di magazzino.

.

.

Il danno provocato dai responsabili della gestione burocratica e pratica delle dinamiche del nostro settore è inqualificabile

.

.

Se non si provvederà a normalizzare la situazione nel giro di poche ore, migliaia di attività collegate fra loro saranno legittimate  ad effettuare i calcoli per tutti i danni subiti a causa della totale inefficienza di questo sistema sregolato.

SCOPRIREMO CHI SONO I RESPONSABILI CHE AVREBBERO DOVUTO PROGRAMMARE E GESTIRE NELLA MANIERA MIGLIORE L’ATTUAZIONE DEL NUOVO E VERGOGNOSO DECRETO LEGGE .

Se non avverrà un ripristino immediato, i danni che lo Stato dovrà pagare alle attività (con i soldi dei cittadini) supererà e di molto il misero risparmio che l’attuazione di questa manovra assurda avrebbe apportato nel tempo.

.

E’ fondamentale un ripristino immediato del vecchio registro che dovrà essere reimpostato per il tempo necessario all’adeguamento

.

.

Prima o poi arriverà la catastrofe per il nostro settore e succederà in tempi molto brevi. Le assurdità di questa manovra presenteranno il conto e qualcuno dovrà pagare per il male che sta facendo al mondo del lavoro.

SARA’ NECESSARIO TORNARE INDIETRO AL SISTEMA PRECEDENTE CHE HA DETERMINATO L’EVOLUZIONE ED UN GRANDE MIGLIORAMENTO PER I CELIACI E LAVORATORI DEL SETTORE.

In questo preciso momento però bisogna salvare il salvabile. Bisogna agire per far tornare erogabili tutti i prodotti, almeno per i mesi che necessitano per smaltire le scorte accumulate prima dell’applicazione del nuovo registro.

.

Come funziona l’aggiornamento dei software per le attività specializzate e per quale motivo alcuni di questi presentano delle forti criticità?

.

.

I Negozi Specializzati Senza Glutine che sono iscritti in AINC e che utilizzano il Software “Ergo Web” con un Sistema realizzato ad hoc sono sempre aggiornati in tempo reale direttamente con la banca dati nazionale dei prodotti GF.

 IL PROBLEMA PER CHI UTILIZZA ALTRI SOFTWARE E’ CHE QUESTI ULTIMI ESSENDO GENERICI E NON SPECIFICI PER LE NOSTRE ATTIVITA’ EFFETTUANO SPESSO IN RITARDO GLI AGGIORNAMENTI.

Un altro problema per chi utilizza altri software che sono collegati ai distretti regionali è che questi ultimi effettuano con estremo ritardo gli aggiornamenti dettati dalla banca dati nazionale. Questo è il motivo delle varie anomalie.

.

.

Tanti addetti ai lavori in questi giorni hanno fornito notizie che non avevano alcun tipo di riscontro ufficiale. Le speranze erano vane

.

.2

La nota del Ministero della Salute potete scaricarla cliccando qui. Il registro nazionale è stato aggiornato secondo le disposizioni del Decreto Ministeriale che sta portando alla deriva il nostro settore. Il problema era quello suindicato.

I PRODOTTI CHE NON SONO PIU’  EROGABILI NON PASSERANNO PIU’.  E’ SOLO QUESTIONE DI TEMPO PER L’AGGIORNAMENTO DEI SOFTWARE E POI SI INIZIA

Danno il via, ufficialmente, al disastro che investirà inevitabilmente il settore a partire da ora. Bisogna organizzarsi e protestare con forza fisicamente all’indirizzo del Ministero della salute. Le comunicazioni scritte non bastano più.

.

Gli incontri ufficiali di AINC con il Ministero della Salute, la petizione di decine di migliaia di celiaci e le e-mail non bastano

.

.

.

Presto ci sarà un insurrezione popolare molto forte. La situazione è tesa, diverse attività hanno chiuso i battenti. Da quando la manovra è entrata in vigore la previsione è che il prossimo futuro sarà troppo difficile da affrontare.

PER TANTI CELIACI IL BUONO NON E’ SUFFICIENTE A RICOPRIRE NEMMENO UNA MINIMA PARTE DELLE SPESE ED I LAVORATORI NON AVRANNO NESSUNA GARANZIA DI SOPRAVVIVENZA.

E’ arrivato il momento di agire con un azione ancora più forte ed efficace rispetto a tutto quello che si è provato a fare fino ad ora. Bisogna coinvolgere tutte le attività ad effettuare un’importante manifestazione di protesta.

.

.

Si parte dall’incontro al Gluten Free Expo 2018 e ci si organizza tutti insieme per combattere con l’obbiettivo di riprenderci i nostri diritti

.

.

I contenuti dell’articolo che avete appena letto, insieme agli ultimi postati sul sito dell’AINC e Celiachia Project, sono destinati ad essere pubblicati, nei prossimi giorni, da testate giornalistiche nazionali alle quali ci stiamo rivolgendo.

QUESTO SETTORE E TUTTO IL MERCATO CHE LO CIRCONDA E’ UNA RISORSA PREZIOSA CONQUISTATA NEI DECENNI GRAZIE A CHI SI E’ BATTUTO PER LA CONQUISTA DEI NOSTRI DIRITTI.

A causa di questo Decreto Legge ci sarà un vero e proprio ritorno al passato che per il mondo della celiachia determina una sconfitta molto pesante. Incontriamoci tutti quanti al Gluten Free Expo 2018, dobbiamo esserci.

.

.